Tarocchi

Per dare vita a questa mia interpretazione dei ventidue Arcani Maggiori, nell’iconografia dei quali è concentrata (per chi vi crede) la più alta sintesi della sapienza cui l’umanità dalla notte dei tempi a oggi è pervenuta, ho scelto di porre a confronto tale sapienza con la routine esistenziale dei nostri giorni che, pur spesso tristi e dolorosi, sono l’unica chance rimasta all’esistere. Una chance perciò preziosissima, sulla quale è possibile e forse obbligatorio scommettere tutto.
La creazione dei "miei" arcani o tarocchi è dunque anzitutto una "performance esistenziale" che mediante l’immediatezza prodotta dalla rappresentazione fotografica si propone di attivare una logica intuitiva e globalizzante che fa agire tra loro relazioni umane e simbologie da esse scaturite con intento primario di liberazione individuale.
Ho per questo messo in gioco il mio corpo, realtà e maschera della mia individualità, il specifico personale "sentire", plasmando l’opera nella massima complessità delle sue sfaccettature artistiche. Il corpo si è trasformato in un canale di trasmissione del linguaggio che mi connota e che è lo strumento vivo ed emozionante, vero e imprevedibile, con cui viene contaminato lo spazio visivo in modo da coinvolgere lo spettatore in questa stessa contaminazione: il senso che ne scaturisce è nelle mie intenzioni prioritariamente e fortemente intriso soprattutto di emotività.
Resta di ciò nelle opere una traccia simbolica, dura ed evocativa, che svela a se stessa quei segreti che il tempo ha custodito e custodisce.
Restano i colori forti, il nero, il rosso, quasi fuoriusciti dai gesti o dal corpo come segni indelebili di una esistenza sofferta, portata in superficie in tutta la sua materia fisica per riscoprire significati densi di fisicità e di teatralità.
Ho voluto con questa creazione vivere dentro di me, analizzare e tradurre nei percorsi del mio fare arte, con un contestuale senso di appartenenza ad essi, i ventidue Arcani Maggiori e per questa via rappresentare le tensioni, i bisogni, le storie, i territori della vita.

Adolfina De Stefani

www.museodeitarocchi.net

"Oh pun legs Alice" Trough the looking-glass, and what ALICE found there"



Accoglienza Riflessioni e Provocazioni...IL MURO



Città Ideale



Omaggio a Pasolini



Tarocchi



Corpi Anticorpi



Symbiosi



Simbiosi



Il sacrificio del tè



Ritratti



Un diavolo per cappello



oh pun legs, ALICE! White Running



Transiti Nomadi



Contaminazione



trans substantia ready made



"MERIDIANO ACQUA""MERIDIANO FUOCO"



"OH PUN LEGS, ALICE!"



Dejeuner sur l'herbe



Art Residency WELCOME